Il governo Draghi: discontinuità e zavorre. Il ruolo del Nord.

I cittadini, e in particolare i mondi produttivi (nel Nord dove si concentra il grosso della capacità produttiva del Paese, più che altrove), avevano e hanno aspettative molto alte, sul governo Draghi; e una gran voglia di uscire dalla fase di stallo determinata da un governo indeciso a tutto, bloccato da veti reciproci, complessivamente poco efficiente e competente proprio sui dossier principali, e in particolare nella scrittura di quello più importante di tutti, il Recovery Plan (e anche nella gestione del piano vaccinale). Proprio per questo motivo, è probabile che parte di queste aspettative siano state deluse, all’annuncio della lista dei ministri. Le novità ci sono, molte, e positive. Il problema di percezione sta nelle continuità, non nelle discontinuità; nelle zavorre del passato, non nelle proiezioni sul futuro.

In molti speravano in un governo più tecnico. Così non è stato: 15 ministri su 23 sono politici, e troppi tra essi sono volti noti della politica politicante che ci ha portato nella situazione che ha reso necessario Draghi. Con esempi di capacità di galleggiamento clamorosi: come l’unico che è riuscito ad avere ruoli cruciali sia nel Conte 1 che nel Conte 2 che nel Draghi punto zero, cioè Di Maio (depotenziato tuttavia dal fatto che la vera politica estera sarà il nome, la faccia e la reputazione del presidente del consiglio). Tre ministri per partito, tra quelli importanti (addirittura quattro per il meno apprezzato di tutti nel Nord, il Movimento 5 Stelle), sono sembrati troppi da mandare giù: anche perché, incapaci di innovazione al loro interno, quasi tutti hanno mandato i notabili di sempre. Ma sono anche la polizza assicurativa della lealtà delle forze politiche, ben centellinate anche nelle rispettive correnti interne (vale per tutti, dal Partito Democratico a Forza Italia alla Lega). E proprio perché i partiti ci sono tutti, sono tutti ugualmente impossibilitati ad esercitare un potere di ricatto reciproco – nessuno, infatti, è indispensabile: la maggioranza ci sarebbe comunque, e solidissima. I ministeri più importanti, in particolare i portafogli economici, sono tutti in mano a tecnici capaci di collaborare tra loro e con il presidente del consiglio, e al più moderato dei politici, a garanzia di rappresentanza di un’area politico-territoriale (è il caso di Giorgetti).

Il Nord non potrà più lamentarsi di una sottorappresentazione territoriale: con 18 ministri su 23, di cui 9 ministri lombardi e 4 veneti, le aree produttive del Nord sono quelle che fanno la parte del leone. Al Sud sono stati dati solo 4 ministeri, e al centro 1 più il presidente del consiglio (che ha peraltro anche radici venete): l’opposto esatto del Conte 2, che era quello con la maggiore presenza del Sud, 12 ministri su 22. Vuol dire che sono rovesciati completamente i rapporti di forza territoriali: un’opportunità e una responsabilità, per il Nord, che non potrà più dare la colpa al meridione in caso di fallimento.

Dispiace invece la sottorappresentazione femminile: solo un terzo, invece della metà auspicata, 8 su 23, e mediamente con dicasteri non troppo pesanti, spesso senza portafoglio. Né la politica né la tecnica hanno mostrato coraggio sufficiente, nonostante circolassero nomi di economiste autorevolissime che avrebbero potuto giocare un ruolo importante. La politica poi è significativamente squilibrata: come sta succedendo da tempo, è la destra a dare maggiore spazio e visibilità alle donne (tra i partiti maggiori, Forza Italia è l’unica ad esprimere una delegazione maggiormente al femminile, ma ci sono donne anche nella Lega, nel M5S, e solo femminile è la rappresentanza di Italia Viva), ed è invece la sinistra a proporre e sostenere un personale politico rigorosamente ed esclusivamente maschile, come quello del PD e di LEU. Poiché si tratta dei partiti che sostengono di essere stati i promotori e difensori dei diritti delle donne, si spera che questa plateale contraddizione possa aprire qualche discussione interna.

Più elevata del governo precedente è l’età media: 54 anni – del resto Draghi stesso ne ha 73. Ma bisogna ammettere che il Conte 2, sensibilmente più giovane, non ha brillato per aver messo in mostra le capacità dei suoi membri junior.

Infine, ci sono alcuni sensibili salti di qualità in luoghi cruciali per il funzionamento del Paese, come la giustizia e la scuola, dove sarà difficile dover rimpiangere qualcosa, e possibile avviare gli investimenti necessari. Così come è cruciale che si ristabilisca il ministero del turismo, con un proprio portafoglio, in un settore tanto importante quanto colpito dalle misure anti-pandemia, ma che sarà fondamentale nella ricostruzione.

 

La chance (e gli oneri) del Nord, in “Corriere della sera – Corriere del Veneto”, “Corriere di Bologna”, “Corriere di Verona”, 14 febbraio 2021, editoriale, p. 1