La Siria e noi

Non ci sono parole, dopo l’ennesima strage, cui assistiamo impotenti e sempre più indifferenti.
Non ci sono parole, ma parole ti chiedono: e noi, debolmente, arrancando, sempre più inani, sempre più afasici, incespicando, proviamo a rispondere, imbelli, insoddisfatti di noi stessi, inutilmente, con dentro un’enorme sensazione di vuoto…