Di acqua e di terra

Migrazioni e altri movimenti

Spettacolo di e con Stefano Allievi

Conferenza-spettacolo di e con Stefano Allievi. Tra nomadismo e mobilità umane contemporanee, tra Neanderthal e Unione Europea, tra l’epopea dell’emigrazione italiana e la nuova immigrazione, tra Ellis Island e l’Africa, tra squilibri demografici e climate change, tra merci e persone, tra suggestioni letterarie e immagini d’ambiente, tra vie d’acqua e percorsi terrestri: un affascinante viaggio nel mondo delle migrazioni e del movimento di popolazioni, capace di collegarne le cause con gli effetti, i paesi d’origine con quelli di destinazione, il passato con il presente – con equilibrio e delicatezza, al di là delle contrapposizioni ideologiche contingenti. 

La ricca parte audiovisuale – approntata da un gruppo internazionale di giovani artisti di “Fabrica”, il centro di ricerca sulla comunicazione creato da Benetton – è arricchita da foto di Oliviero Toscani e da video originali. 

Secondo il contesto e gli obiettivi (festival e spettacoli teatrali, corsi di formazione per categorie specifiche – insegnanti, operatori sociali, sindacali, religiosi, ecc. – studenti in ambito scolastico, imprese), è possibile modulare in certa misura la struttura del lavoro.

Poiché la conferenza-spettacolo è presentata direttamente dall’autore del testo, è possibile far seguire allo spettacolo il dibattito con il pubblico.

I contenuti sono tratti dagli ultimi libri dell’autore: in particolare Immigrazione. Cambiare tutto (Laterza, 2018) e Torneremo a percorrere le strade del mondo (UTET, 2021).